background
Monastero Mater Carmeli Biella
image1 image2 image3 image4 image5 image6

Quaresima: lo sport estremo del cristiano

Il cammino quaresimale è iniziato.

Si entra nel deserto, lì dove conviene portare solo lo stretto necessario per una traversata sicura, per giungere alla mèta.

Il  deserto è luogo di incontro con Dio e non primariamente luogo di tentazione.

È il Signore che ci conduce nel deserto per parlare al nostro cuore. Ecco perché il deserto quaresimale è tempo di gioia pur nella traversata sabbiosa.

Il Signore vuole parlare al nostro cuore e ci suggerisce un tempo favorevole, un tempo prezioso da occupare con cose primarie.

Ma cos'è primario nella mia vita di cristiano?

Il battesimo che ci ha resi figli nel Figlio.

Tutto è iniziato lì: immersi nella morte e risurrezione di Gesù. La capacità ricevuta di chiamarlo Padre.

L'incontro con Dio  nel deserto quaresimale svela me a me stesso, mi pone di fronte ad uno specchio e io stesso vengo preso dal desiderio di far risplendere sempre di più in me , nei miei gesti  e nelle mie parole i gesti, le parole del Signore.

Primario è dunque ricordare che nel battesimo ci è stato donato un kit  per affrontare con gioia, con serenità, con fierezza le tante traversate che la vita ci propone!

Un tesoro prezioso è stato posto dentro di noi: siamo diventati casa di Dio.

Quando delle volte diciamo: mi sento solo...

Quando ci sentiamo tristi perché il numero degli amici intorno a noi non sembra mai abbastanza...

Possiamo provare a ricordare che in realtà non siamo mai soli perché tutto Dio è dentro di noi!

Siamo in perenne compagnia del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo.

Dove ci muoviamo noi ,si muovono anche loro!

Questo è anche il principio attivo della  nostra missionarietà cristiana: siamo tutti missionari proprio in forza del battesimo. Infatti  un dono ricevuto non è mai da gustare solo per se stessi, è più bello se viene condiviso.

Se ho scoperto che Dio mi ama, è bello comunicare questa scoperta anche ad altri che ancora non ne hanno fatto esperienza.

Si parla tanto di sport estremi, di sensazioni estreme, di divertimenti estremi.

Anche noi cristiani proponiamo qualcosa di estremo: proponiamo il non compromesso, il non accomodamento, proponiamo di non usare solo l'emotività e la sensazione come metro di comprensione della vita, proponiamo di utilizzare al meglio la completezza di tutte le facoltà: mente, cuore, volontà, il tutto illuminato e irrobustito dallo Spirito Santo.

Questo sì è uno sport estremo!

La volontà di superare i limiti, di mettere alla prova il proprio corpo sfidando anche la natura e le sue leggi, armati di estrema audacia e di desiderio di sperimentare. La ricerca di emozioni forti, l'adrenalina che schizza in alto, la concentrazione e la forza di volontà che portano a non percepire la fatica e il pericolo: gli sports estremi sono tutto ciò.

Vivere la quaresima come sport estremo significa voler sperimentare l'adrenalina che si alza in noi quando diciamo a Dio sapendo mettere da parte un po' della nostra volontà per accogliere la sua volontà. Sperimentare il superamento del proprio limite quando ci si fida di Dio più delle proprie forze : non di solo pane vive l'uomo, ma di ogni parola che esce dalla bocca di Dio.

Accogliere queste parole, lasciare che diventino vere nel proprio quotidiano, lasciare spazio alla creatività di Dio, questo è lo sport più bello e più sano!

 

In fraternità,

le vostre Sorelle Carmelitane

:: Monastero Mater Carmeli Biella ... P. IVA 90050100024 ... 2018 ... policy ::
Powered by Castrovinci & Associati based on a Joomla Template by Globbersthemes