background
Monastero Mater Carmeli Biella
image1 image2 image3 image4 image5 image6

Il servizio dell’amore

Ultima Cena (particolare, Leonardo da Vinci, 1494-1498, Santa Maria delle Grazie, Milano)

Il servizio dell’amore:
uno sguardo femminile sul cenacolo

Domenica 25 maggio 2014

Uno sguardo femminile sul cenacolo Uno sguardo femminile sul cenacolo

 

La nostra Comunità ha accolto domenica 25 maggio u.s. un gruppo di fedeli in ritiro e ha proposto questa riflessione che vi riproponiamo, approfondendo la precedente già offerta al gruppo di Diaconi insieme alle loro mogli.

Gesù nel suo crescere in sapienza, età e grazia (Lc 2,51-52) è venuto a contatto con il mondo femminile fatto di gesti quotidiani di vita donata nel sacrificio, ma anche di gioia, nel silenzio e nella perseveranza, a volte nel dubbio e nella fatica, ma sempre in una nuova ritrovata fede.

Possiamo provare a ridisegnare un Cenacolo allargato, fotografando intorno a Gesù e ai Dodici, le figure femminili che direttamente o indirettamente hanno condiviso quella serata speciale.

Ognuna di queste donne ha seguito Gesù: lo hanno seguito materialmente, camminando sui suoi passi, e spiritualmente, condividendo il suo progetto. Mentre egli predicava, loro gli stavano accanto, lo ascoltavano. Inoltre,camminando con lui, vedevano quello che egli faceva, come si comportava. Alcune di loro avevano fatto personalmente esperienza del potere terapeutico di Gesù: “erano state guarite da spiriti cattivi e da infermità” (Lc 8,1-3). E forse anche per questo “lo servivano con i loro beni”. Sono donne che la grazia ricevuta ha reso capaci di amare fattivamente, capaci di una diakonia sollecita alle varie necessità di un gruppo itinerante. Queste donne hanno il coraggio di vivere una vita austera come doveva comportare la sequela di Gesù nel suo infaticabile itinerare. Queste donne saranno presenti sotto la croce e saranno le prime ad accostarsi al sepolcro di Gesù, confermandone così la morte. La loro testimonianza avrà coronamento nel mattino di Pasqua, quando dagli angeli sono ricondotte alla memoria delle parole di Gesù: “Ricordatevi come vi parlò quando era ancora in Galilea... Ed esse si ricordarono”. La memoria equivale in certo senso al cuore, luogo in cui la parola va custodita. Con la Risurrezione la memoria delle parole di Gesù riaffiora alla coscienza. E le prime a “ricordarsi” sono proprio le donne.

uno sguardo femminile sul cenacolo

:: Monastero Mater Carmeli Biella ... P. IVA 90050100024 ... 2018 ... policy ::
Powered by Castrovinci & Associati based on a Joomla Template by Globbersthemes